Helly Hansen
Helly Hansen

Micol Forzano Helly HansenThe International Yachting Media, il celebre portale nautico internazionale, sceglie i capi di abbigliamento Helly Hansen  per vestire la propria squadra. Niente più freddo, niente più vento per i giornalisti e gli operatori del media, che da oggi viaggeranno a bordo di qualunque imbarcazione per rilevarne le prestazioni, protetti delle storiche cerate vichinghe.

Con oltre 140 anni di storia e credibilità professionale alle spalle il leggendario marchio norvegese è tra le opzioni predilette da chi si avventura in ambienti estremi, sui mari e sulle montagne, ma anche per chi desidera semplicemente affrontare la vita con una nota di stile. L’impareggiabile know-how tecnico acquisito dall’azienda nel corso dei secoli, oggi si combina, infatti, con il miglior design scandinavo per offrire quello stile autenticamente originale che contraddistingue lo sportswear Helly Hansen.

Correva l’anno 1877 quando, nella fredda cittadina norvegese di Moss, il capitano Helly Juel Hansen, insieme alla moglie Maren Margarethe, diede i natali all’omonima azienda, cimentandosi nella produzione di giacche di tela cerata, pantaloni, sou’westers e teloni realizzati con lino grezzo. La storia racconta che nei primi 5 anni di attività, la allora neonata azienda, abbia prodotto e venduto circa 10.000 capi, dopo essersi aggiudicata all’Expo di Parigi il diploma per l’eccellenza produttiva.

Helly Hansen historicL’arguto capitano aveva studiato e messo a punto un tessuto in grado di proteggere dal rigido clima nordico i valorosi marinai norvegesi. Il secolo scorso fu costellato da una serie di innovazioni a casa Hansen, dall’introduzione del Linox negli anni 20’ alla produzione del primo tessuto di pile negli anni 50’, ma furono i gloriosi Giochi Olimpici di Helsinky del 1952 a marcare l’ingresso di Helly Hansen nel mondo della vela ad alte prestazioni.

Gli anni più salienti per la casa norvegese furono senz’altro i ruggenti ’70 quando, terminato il processo di stratificazione, vennero lanciati sul mercato i primi capi a 3 strati composti da uno strato di Lifa, il più prossimo al corpo, il fibrepile utilizzato come strato isolante ed infine quello più esterno, lo strato impermeabile. Da allora, i velisti equipaggiati Helly Hansen hanno conquistato i primi podi di tutte le classi, dalle classiche regate Dinghy fino alle gare oceaniche sfidando la forza bruta di Madre Natura in ogni angolo del mondo.

L’azienda norvegese usa oltre un secolo di tradizione per creare capi che vincono contro le intemperie, connubio tra il design scandinavo e l’esperienza nelle condizioni più estreme. Non è un caso che lo storico brand norvegese sia stato nominato fornitore esclusivo per i velisti della US Sailing Team fino al 2020.

Helly Hansen Skagen OffshoreIl due volte campione olimpico Malcolm Page ha commentato così la nuova partnership: “Indipendentemente dal fatto che ci troviamo di fronte a temperature elevate o a un freddo intenso, sappiamo che Helly Hansen può offrire soluzioni avanzate per fornire alla nostra squadra il comfort e la protezione necessarie per vincere ogni competizione. Nel marchio Helly Hansen hanno riposto la loro fiducia i velisti professionisti di tutto il mondo e noi vogliamo collaborare con loro per dare ai nostri atleti ogni possibile vantaggio competitivo”.

Noi di “The International Yachting Media”, certi che 140 anni di storia siano un valido testimone del successo dell’abbigliamento Helly Hansen, abbiamo scelto il loro capi per proteggerci da vento e freddo durante le nostre crociere ed i test in giro per il mondo.

L’azienda norvegese, per nulla preoccupata dal nostro utilizzo estremo dei capi,  ha accettato soddisfatta la nostra proposta e ci ha inviato di buon grado i primi  completi, da uomo e da donna: uno Skagen Offshore con salopette  da uomo e un W Salt Flag con salopette HP Foil da donna.

Nel dettaglio la cerata Skagen, è un capo per la navigazione offshore e costiera in cui è necessario un capo che garantisca protezione totale contro il vento e le onde. Offre soluzioni sviluppate con i professionisti della vela e un resistente tessuto a 2 strati HellyTech Performance con fodera in mesh per il massimo comfort. La giacca è dotata di tutte le caratteristiche necessarie, tra cui colletto protettivo, maschera per il viso, doppi polsini, tasche per gli oggetti e scaldamani.

Helly Hansen Salt FlagLa giacca da donna Salt Flag , destinata alla protezione delle navigatrici, presenta il classico design a strisce Helly Hansen, utilizzato per la prima volta in occasione dell’ingresso della Berge Viking nella regata norvegese Whitbread.

L’iconica riga rappresenta il classico design in stile nautico e, grazie al resistente tessuto HellyTech Performance a 2 strati, questa giacca è ciò che occorre per tenervi al caldo e all’asciutto. Dotata di tutte le caratteristiche essenziali, tra cui l’alto colletto protettivo e le termosaldature nascoste ai polsi, questa giacca offre il massimo della funzionalità consentendovi di affrontare i fiordi con stile.

I nostri tester sono in continuo movimento, attorno al mondo a bordo delle imbarcazioni oggetto delle nostre prove, quale migliore occasione quindi per testare duramente le celebri cerate norvegesi ?

A settembre dunque, torneremo a parlarvi del leggendario brand scandinavo, questa volta con dati alla mano, che rileveranno le prestazioni tecniche del tessuto cerato norvegese.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Test Arimar. 20 ore a bordo di una zattera di salvataggio.

Next Story

Jeanneau Sun Odyssey 319. La barca per tutti

Latest from Blog

Notizie flash 2024

Nasce oggi una rubrica settimanale dedicata alle notizie flash. Uno strumento pensato per presentare un riassunto