Bamar E-Vang
/

Bamar presenta E-Vang, il primo elettronico al mondo

1 min read

Si chiama E-Vang, è stato appena presentato da Bamar al MetsTrade di Amsterdam ed è il primo vang elettronico mai prodotto al mondo.

E-Vang è un’innovazione che rompe gli schemi, un prodotto brevettato destinato a cambiare per sempre il modo con cui vengono attrezzate le barche a vela che, fino ad oggi, erano costrette ad utilizzare complessi sistemi idraulici per la movimentazione delle manovre più pesanti. Bamar d’altro canto non è nuova a questo principio che lascia chiaramente intendere come questo sia solo l’ultimo tassello che rende possibile l’eliminazione totale degli impianti idraulici presenti a bordo. Nella gamma di prodotti sono infatti già disponibili avvolgifiocco, avvolgitori per boma e pad eye completamente elettrici.

vang elettrico perno dinamometricoUna novità che ha molti aspetti positivi, che vanno ben oltre l’eliminazione dell’impianto idraulico stesso, come ad esempio la facilità d’installazione che, appare evidente, in questa modalità necessità solo di essere collegata alla rete elettrica di bordo.

La sicurezza è inoltre un altro fattore decisamente importante, E-Vang è infatti dotato di un perno dinamometrico che “legge” i carichi esterni di compressione e fa si che il vang si adatti automaticamente alle esigenze di regolazione. In questo modo si evita la possibilità di incorrere in manovre errate che possono causare rotture o sovraccarichi.

“E’ un’evoluzione epocale quella che E-Vang introduce nel mondo della vela – ci racconta Francesco Tamburini – con questo prodotto la proprietà di Bamar, la famiglia Zattini, ha voluto muovere elettricamente quello che fino a ieri era possibile movimentare solo idraulicamente. Sono quasi cinquant’anni che Bamar produce innovazione e non è certo un caso che a bordo dei superyacht più grandi del mondo, come ad esempio Mirabella o Superyacht A, ci siano i nostri prodotti.

Bamar E-Vang Francesco Tamburini

Come è fatto il nuovo E-Vang di Bamar

Per ottenere le massime prestazioni, Bamar parte da barre intere di materiale certificato che vengono poi lavorate con macchine computerizzate a controllo numerico. Questo processo consente di realizzare i corpi in lega di alluminio anodizzato, mentre altri componenti sono fatti di un acciaio speciale, specifico per il loro utilizzo.

I motori elettrici di cui è dotato E-Vang si affidano a riduttori planetari per poter ottenere la massima efficienza con il minimo assorbimento, lo dimostra l’esemplare presentato al MetsTrade che, nonostante sia dimensionato per imbarcazioni da 50 a 65 piedi, ha un motore da 600W che sviluppa una potenza di tiro di ben 11.000 chili.

Importante anche l’apporto dato dalla connettività che consente di collegare il vang elettronico di Bamar agli ormai onnipresenti sistemi di monitoraggio presenti a bordo. In questo modo avremo a portata di mano le letture dell’assorbimento, delle celle di carico e dei sensori di fine corsa. 

bamar e-vang esploso

Altra fondamentale regolazione è quella relativa alla memorizzazione di una posizione fissa del boma, la sempre maggiore diffusione di barche a vela che dispongono oggi di un rollaranda, rende questa funzione indispensabile per il corretto avvolgimento della vela e scongiura blocchi e rotture della stessa.

Completano questo prodotto superlativo le funzioni di “rilascio rapido d’emergenza” che consente di far allungare il vang molto rapidamente e l’azionamento manuale che, in caso di blackout elettrico, consente di movimentare il prodotto con una semplice maniglia o più semplicemente con un trapano a batteria.

BAMAR.IT

info@bamar.it

Luca D'Ambrosio

Direttore responsabile, tester e giornalista. Comincia a navigare in tenera età con il padre poi da adulto scopre la vela e le regate d'altura.
Lavora da più di trent'anni in editoria e naviga continuamente, soprattutto a bordo della barca della redazione, una vecchia signora dei mari che ha ristrutturato completamente e che svolge egregiamente la funzione di "laboratorio mobile" per The International Yachting Media.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Titoli marittimi del diporto, al via la riforma

Next Story

Pegasus 50, l’ottavo e il nono esemplare al varo

Latest from Blog