bali 4.1
bali 4.1

Al Salone di Genova, provato il Bali 4.1

bali 4.1 poppaAl momento dell’apertura del Salone Nautico a Genova, eravamo già pronti al pontile Bali Catamarans per vedere questi catamarani particolari, ormai noti per via della soluzione open-air con il portellone di poppa basculante che apre completamente lo spazio della dinette in una grande veranda, e per la prua rigida senza la rete prendisole ma con un ponte strutturale che diventa una comoda terrazza.

L’effetto anche nel Bali 4.1 – che essendo la rivisitazione del 4.0 è il piccino della flotta – è quello di una grande continuità di volumi e di luci.
Lo spazio si moltiplica e l’impressione di avere una casa al mare è immediata.

Bali 4.1 dinette Bali 4.1 prendisole

Maneggevolissimo a motore

Bali 4.1 provaMa ora questa barca vogliamo vederla navigare. Oggi c’è davvero poco vento, e anche se non è proprio la macaia genovese cantata da Paolo Conte non siamo del tutto ottimisti. I catamarani da crociera non sono esattamente dei missili e temiamo che questa, con le sue nove tonnellate, non si muoverà.

Invece.
Invece già uscendo dall’ormeggio e dal porto, agendo solo sulle due leve dei motori si sposta con una leggerezza sorprendente.
Sembra di manovrare la casa volante del film Up. Oppure di viaggiare su un cingolato, potrei dire, se solo avessimo mai viaggiato su un cingolato.

I due motori da 40 hp (disponibile anche una motorizzazione con due da 20Hp forse un po’ sottodimensionati per questo tipo di barca), già in dotazione del Bali 4.0 che avevamo provato qualche tempo fa, spingono il Bali 4.1 a una velocità di crociera di 7 nodi.

Bali 4.1 navigazione

Sorprendente anche con poco vento

Bali 4.1Usciamo con facilità, dunque, diamo randa e poi srotoliamo il code zero. È molto piatto a dire il vero per essere un Code 0, diciamo piuttosto un drifter o un genoa molto leggero (c’è anche un genoa più pesante).

Perciò ci teniamo su una rotta piuttosto stretta, abbiamo un nodo di corrente da prua e la brezza è ancora molto leggera. Invece.

Invece questo salotto viaggiante fa il suo dovere di bolina larga e si risveglia allegro al traverso.

Bali 4.1Siamo in cinque a bordo, ci sono meno di cinque nodi di vento, la barca è carica di tutte le sue masserizie (frigo verticale, lavatrice e microonde compresi) e con un angolo di 90 gradi fa 3.7 nodi di velocità, che scendono di poco stringendo: 3.3 con un angolo di 80 gradi. Si scatena l’entusiasmo agonistico: ci ingaggiamo con un Arpège e siamo nettamente più veloci.

Viriamo. In questo caso bisogna avvolgere il Code 0 per non incastrarsi nello strallo del genoa. Ma si può fare tutto da soli, perché tutte le scotte sono rinviate ai due lati della timoneria. Se usassimo il genoa sarebbe ancora più facile perché è autovirante.

Proseguiamo mure a sinistra, la barca scivola molto più agile dal momento che ora abbiamo la corrente a favore.

Comodità in conduzione e manovra

Bali 4.1 provaAl timone, viene spesso istintivo stare in piedi per avere una migliore visibilità a prua, ma in questo caso la ruota è piuttosto bassa e invita a stare seduti su un divanetto molto comodo, forse addirittura un pochino troppo basso se si hanno le gambe lunghe. Accanto al timoniere, a piede d’albero, per ulteriore comodità e compagnia è posizionata un’elegante chaise longue.

In condizioni di vento favorevoli, con il telecomando dell’autopilota si può addirittura condurre la barca dalla terrazza di prua che, essendo riparata dalle onde in navigazione diventa un vero e proprio ponte, se si ha l’accortezza di togliere i tavolini. In caso di necessità e urgenze, la scala per salire alla timoneria è a portata di mano sia da prua che da poppa.

Strambiamo, e anche in questo caso una bella sorpresa. Facciamo passare le scotte all’esterno dello strallo e il code zero vola come un aquilone. Riprendere la rotta è immediato e la velocità non è calata.
Bali 4.1 layaut visto dall'alto

Scheda tecnica

Lunghezza f.t. 11,99 mt
Larghezza 6,72 mt
Pescaggio 1,12 mt
Dislocamento 11.200 kg
Carburante 400 lt
Acqua 800 lt
Motorizzazione
2 motori 40 hp

2 Comments

  1. Scusate ma “con un angolo di 90 gradi fa 3.7 nodi di velocità, che scendono di poco stringendo: 3.3 con un angolo di 80 gradi” non significa gran che. Si tratta di angoli rispetto al vento reale o al vento apparente? Inoltre per giudicare una barca interessa l’angolo tra la rotta e il vento reale, che mette in conto lo scarroccio e dà un’idea della VMG. Quando si danno le prestazioni di una barca a vela di bolina bisognerebbe sempre riportare l’angolo tra le rotte sui due bordi di bolina.

  2. Buongiorno caro Lettore,

    Sono certo che non le sarà sfuggito il senso che la giornalista ha voluto dare alla rilevazione contenuta nel paragrafo in questione :”Invece questo salotto viaggiante fa il suo dovere di bolina larga e si risveglia allegro al traverso.”.

    Quando si analizza un catamarano da crociera pura come questo non è tanto il dato analitico a sorprendere quanto il fatto che l’imbarcazione, con così poco vento, navighi veramente a vela .

    Per effettare le rilevazioni, peraltro corrette, a cui lei si riferisce, sarebbe necessaria un’intensità di vento reale decisamente maggiore, almeno intorno ai 9/10 nodi a mio modesto giudizio.

    Sotto questa soglia tutto è empirico, ivi inclusi anche gli scarti e tolleranze della strumentazione elettronica.

    Certo che avrà compreso il senso della mia risposta la saluto e la ringrazio per seguirci

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Al Salerno Boat Show va in scena Nautica Fusaro con le novità di Absolute Yachts

Next Story

Magazzù MX 12 Gran Sport : 100 miglia a bordo di un sogno

Latest from Blog