L’arcipelago toscano e’ una delle mete preferite per le gite in barca di qualunque tipo: a vela, a motore, in gommone, per due giorni in primavera o un mese in estate, le isole toscane offrono tutto quello che serve al diporto. Porti, buoni ridossi, servizi, paesini e spiagge, riserve naturali e paesaggi incontaminati.

Difficile suggerire un itinerario tra le isole, gli isolotti e gli scogli – quasi tutti molto noti ai patentati nautici grazie alla famigerata carta 5/D… E d’altra parte davvero in questa zona c’e’ da imparare a navigare, tra secche, zone interdette e distanze le rotte vanno ben pianificate.

Partendo dai porti della Toscana meridionale, l’Isola d’Elba e l’Isola del Giglio sono le piu’ vicine, e rappresentano di solito una buona base per partire in esplorazione delle Isole di Gorgona o di Capraia piu’ a Nord, per poi traversare verso la Corsica, o tornare a Sud verso Pianosa e Giannutri.

Alla Gorgona non e’ possibile ancorare, e la sosta e’ consentita solo nel porticciolo di Cala dello Scalo; le attivita’ marine in zona sono regolamentate dal Parco, e’ bene informarsi prima di programmare una sosta alla Gorgona, che di solito si vede solo sfilare al traverso navigando verso la Corsica o verso la Capraia. Anche qui il Parco impone regole per salvaguardare la meravigliosa natura dell’isola: e’ possibile trovare riparo nel piccolo marina, che offre posti barca, e in estate anche boe e possibilita’ di ancorare, oppure nelle baie della parte Sud dell’isola, come Cala del Ceppo.

Ben diversa e’ la situazione all’Elba, la piu’ grande dell’arcipelago e quella che offre maggiori soluzioni per il diporto. Numerosi porticcioli, marina, campi boe e rade offrono riparo su tutti i versanti dell’isola. Da Portoferraio e Marciana Marina a Nord a Porto Azzurro nel versante Sud Est, l’Isola d’Elba e’ un susseguirsi di baie e golfi dove e’ possibile ancorare. A Sud le rade di Fetovaia, Marina di Campo, Golfo di Lacona e Golfo Stella sono solo alcune tra quelle dove si puo’ passare la notte in tranquillita’.

Continuando verso Sud si incontrano prima Pianosa, bassa e brulla, e poi Montecristo, alta e irta sul mare. Le strette regole dell’area marina protetta integrale consentono di vistare l’affascinante isola solo con l’accompagnamento delle guide, e ci si deve ben informare di tutti i divieti.

Per trovare un posto dove passare tranquilli la notte si deve arrivare fino all’Isola del Giglio, dove il Porto offre numerosi posti barca e tutti i servizi per il diporto. I fondali sabbiosi delle baie del versante Sud – Cala Cannelle e Cala Capazzolo – e del Seno del Campese a Nord offrono buone alternative se si preferisce ancorare in rada.

Molto belli gli ancoraggi dell’Isola di Giannutri, ultima dell’arcipelago. Sono baie profonde e aperte, spesso affollate dalle barche che arrivano anche dai vicini porti del Lazio settentrionale.

 

 

2 Comments

  1. Gradirei un parere: se si ritiene che una attraversata entro le 12 Spezia Capraia ( RV 162 180 192 approssimativamente) con barca di 21 piedi (mano Pilot 21 una delle poche di categoria B) con motore 140 cv + ausiliario, GPS , sia in condizioni meteomarine ottimali e carena pulita,fattibile e non rischiosa (velocita di crocera 15 nodi) in circa 4 ore;
    2 domanda: l’ormeggio alle boe in rada fuori del porto di Capraia e’ sicuro anche in condizione meteo brutte tanto da consentire di ripartire con mare calmo e con la tranquillta’ che la barca all’ormeggio e’ sicura??
    Grazie

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Amer 94′, il trasporto

Next Story

Il miglior lavoro del mondo

Latest from Blog

Notizie flash 2024

Notizie Flash Giovedì 18 aprile 2024 ED 32 C-ULTRA Prime prove in mare per il nuovo