Mondomarine
///

Palumbo Superyachts acquisisce Mondomarine

Start

Mondomarine SavonaDopo numerose vicissitudini giudiziarie e manovre di mercato, finalmente c’è l’ufficialità. La divisione yatching del Gruppo Palumbo ha annunciato con soddisfazione l’acquisizione del cantiere navale Mondomarine di Savona, fondato più di un secolo fa (nel 1915).

Il passaggio è avvenuto dopo che l’autorità portuale di Savona ha rilasciato la concessione demaniale ventennale alla divisione superyachts della Palumbo, che potrà gestire per attività cantieristiche l’area della regione Valloria e lo specchio acqueo di pertinenza.

Si ampliano così gli orizzonti industriali del Gruppo Palumbo, una squadra che può vantare più di cinquant’anni di esperienza nel settore dell’industria navale ed un know-how interno invidiabile.

ISA YACHTS EXTRA 76Quello della Palumbo rappresenta ormai da anni un polo nautico d’importanza internazionale ad una sola ora di macchina da Montecarlo, capitale mondiale dello yatching.

E pensare che nel 1967 era solo una piccola realtà di supporto al mercato locale nell’industria delle riparazioni navali. Oggi ha una divisione commerciale e di rappresentanza a Monaco, importante centro della nautica di lusso, e ben 8 impianti ad Ancona, Napoli, Messina, Malta (2), Marsiglia (Francia), Tenerife (Spagna) e recentemente a Rijeka (Croazia).

Sono cantieri che possono ospitare navi fino a 360 metri di lunghezza ed offrono servizi all’avanguardia di riparazione e gestione di navi di lusso.

Giuseppe Palumbo, CEO del gruppo, si è espresso con parole al miele relativamente alla manovra di mercato, sottolineando  le potenzialità del marchio Mondomarine e la vantaggiosa posizione geografica che la sua azienda ora potrà gestire.

Con questo passaggio si espande ulteriormente la divisione Palumbo dedicata alla gestione di superyatch. Si tratta di un traguardo che farà sicuramente bene, anche se in maniera indiretta, al network di cantieri dello stesso marchio sparsi per tutto il Mediterraneo.

Tutto questo a conferma delle solide basi finanziarie del Gruppo Palumbo che può vantare al suo interno di dipendenti altamente specializzati nel settore del refitting e della manutenzione di imbarcazioni.

L’acquisizione della Palumbo Superyatcs garantirà il reintegro di più di una cinquantina di persone a rischio e l’impiego di designer di fama mondiale che avranno il compito di tutelare la tradizione dello storico cantiere savonese guardando sempre al progresso tecnologico.

Il cantiere Mondomarine, decisamente mal gestito dal suo ex proprietario Falciai, può tirare così un sospiro di sollievo. Dopo essere stato portato al fallimento dalla vecchia gestione, adesso può godere di nuova vita ed i suoi lavoratori possono guardare al futuro con fiducia e serenità.

Lascia un commento

Your email address will not be published.