Freccia 1200 NaumatecCapita, passeggiando per il salone più lussuoso del mondo, che si facciano incontri inaspettati.  Mentre percorrevamo il pontile vicino alla Quai Antoine, quello riservato ai “Tender and Toys”, lo sguardo ci ha infatti portato a scoprire un fantastico esemplare di Naumatec Freccia 1200 che, stava li, proprio sotto i nostri occhi e, per di più, era presidiato da Franco Aiello, un pilota d’eccezione, che conosciamo bene.

Visto che c’eravamo abbiamo provato a chiedere a Franco, se ci portava a fare un giro  con questo super RIB e, manco a dirlo, lui accetta di buon grado, quindi saltiamo a bordo, molliamo gli ormeggi ed usciamo dal posto barca.

Per chi non lo conoscesse il Freccia 1200 è un RIB da alte prestazioni, dotato di due Cummins da 480 cavalli, è spinto a velocita prossime ai 70 nodi da una coppia di eliche di superficie. Progettato da Federico Fiorentino, questo open riesce a non essere solo “cattivo”, le sue linee moderne ed eleganti riescono ad addolcire e a raffinarne il profilo sportivo, facendo percepire il carattere lussuoso dell’intero progetto.

Dotato di zone prendisole sia a prua che a poppa, il Freccia di Naumatec non passa di certo inosservato. Il design di coperta è unico e riesce a creare una zona di passaggio centrale mai vista prima su altre imbarcazioni. I due sedili avvolgenti sono posti ai due estremi laterali del RIB ed hanno ciascuno la sua funzione d’uso.

La postazione di dritta è riservata al pilota ed espone correttamente tutti i comandi ed i display necessari a condurre quest’imbarcazione alle altissime velocità che il Freccia 1200 raggiunge in pochi secondi. A sinistra si trova la postazione del navigatore, qui troviamo tutto quanto necessario alla specifica funzione ed anche una replica di alcuni strumenti posti nella consolle di guida.Naumatec Freccia 1200

Un grande T-Top si appoggia al RIB con quattro sostegni molto solidi ed efficaci, sono infatti usati anche in navigazione come tientibene. In effetti il RIB è dotato di molti tientibene che, posizionati nelle zone opportune, regalano sicurezza a questa imbarcazione dalle prestazioni elevatissime.

Uscire dall’ormeggio con il Freccia significa calamitare l’attenzione generale, il sound del motore è unico ed attira l’attenzione delle persone che, prima si girano, e poi rimangono a guardare le forme di questo RIB mentre sfiliamo fra i superyachts.

Fuori dal porto chiediamo a Franco di farci provare l’accellerazione di cui è capace il mezzo, una semplice pressione sulle manette ed il Freccia schizza in avanti come un missile, la prua non si muove e rimane bassa mentre le eliche di superficie trasformano la potenza in velocità.

Un paio di virate e rallentiamo, siamo qui per visitare il salone ed un test in mare richiederebbe molto più tempo e, sopratutto, molto meno traffico di imbarcazioni intorno a noi. Un giro intorno al Falcone Maltese e rientriamo in porto per andare a vedere da vicino le imbarcazioni esposte. Franco accellera ancora e, in un batter di ciglia, siamo gia a più di 40 nodi.

https://www.facebook.com/tuttobarche/videos/1676169025735451/

Entriamo nel porto, nel vivo del Monaco Yacht Show e, non appena ci avviciniamo alle banchine, anche se ora il rumore del motore è sovrastato dal traffico che abbiamo intorno, il Freccia 1200 nuovamente attira gli sguardi dei visitatori.

Poi, purtroppo, è tempo di tornare all’ormeggio. I “riflettori si spengono” mentre scendiamo dal Freccia ma, ora possiamo dirlo, sono bastati pochi minuti ed abiamo compreso quali siano le motivazioni che spingono gli armatori ad acquistarlo, bellezza, stile e velocità vanno decisamente a braccietto su questo super tender.

Luca D'Ambrosio

Direttore responsabile, tester e giornalista. Comincia a navigare in tenera età con il padre poi da adulto scopre la vela e le regate d'altura.
Lavora da più di trent'anni in editoria e naviga continuamente, soprattutto a bordo della barca della redazione, una vecchia signora dei mari che ha ristrutturato completamente e che svolge egregiamente la funzione di "laboratorio mobile" per The International Yachting Media.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Axiom Pro, l’evoluzione secondo Raymarine

Next Story

Al Salone Nautico di Genova gli open hanno mostrato i muscoli

Latest from Blog