Arti e mestieri

Cuoco Di Bordo

 

Una figura professionale legata al mondo della nautica sempre più richiesta nel mercato del lavoro è il cuoco di bordo che nei livelli superiori diventa chef di bordo. Generalmente questa figura lavora sulle navi mercantili, da crociera o sulle navi traghetto pertanto deve conoscere la struttura e l'organizzazione di bordo. Lavora prevalentemente all’interno della cucina della nave di cui conosce l’organizzazione e le tecniche basilari delle preparazioni nelle varie partite di cucina.

All’allievo cuoco invece è richiesta comunque la conoscenza generale dell’organizzazione della nave e delle varie responsabilità lavorative, la permanenza presso le varie partite di cucina sotto la guida del cuoco responsabile, la conoscenza delle tecniche di base e della normativa igienico sanitaria, la conoscenza e lo svolgimento dei compiti fondamentali relativi alla sicurezza a bordo.

Considerando il contesto in cui opera, è inevitabilmente richiesta anche una buona conoscenza della lingua inglese, anche professionale.

E', altresì, responsabile della preparazione dei pasti, ma si occupa anche di coordinare l’intera attività della cucina rispettando, e facendo applicare, la normativa in materia di igiene nonché i compiti fondamentali relativi alla sicurezza a bordo.

Si occupa personalmente della realizzazione dei piatti più complessi e deve controllare oltre che curare la presentazione delle pietanze. Lo chef deve decidere i menù in collaborazione con il titolare della struttura dove lavora, curare l’acquisto e controllare la qualità delle materie prime, controllare le fasi della preparazione delle pietanze distribuendo i compiti fra i propri collaboratori.

Sul piano delle attività extra culinarie, deve anche definire l’alternanza delle operazioni utili per mantenere i tempi di servizio, ispezionando i locali per la pulizia e la corretta conservazione degli alimenti. Essendo una figura di tipo tecnico deve avere anche competenza nell’utilizzo delle attrezzature, degli strumenti e dei prodotti tipici della cucina che gestisce: è un'attività impegnativa dal punto di vista fisico e richiede una elevata resistenza allo stress.

Tra le competenze specifiche richieste è necessario che questa figura abbia una certa autonomia decisionale, capacità organizzativa, capacità di relazione con gli altri, gusto e olfatto ben sviluppati, rapidità, attenzione all'igiene, buona manualità.

Il titolo di studio richiesto per la partecipazione ad un concorso per cuochi di bordo in genere è il diploma di scuola superiore alberghiera o la qualifica di operatore dei servizi di cucina cui non deve mancare una buona conoscenza della lingua inglese parlata e scritta.

La riduzione delle figure professionali marittime dei cuochi di bordo e la relativa copertura delle lacune attraverso i marittimi extracomunitari, negli ultimi anni ha portato alla collaborazione tra l’Istituto Alberghiero di Brindisi e la locale Capitaneria di Porto per formare una ventina di studenti e dare nuovo impulso alla categoria con la possibilità di un inserimento lavorativo.

 

.